COME SI INVIA UNA SUCCESSIONE TELEMATICA

23.722 Visualizzazioni

Con l’avvento della nuova Dichiarazione di Successione Telematica, si presenta ora a molti il problema di capire quale sia la corretta procedura per l’Invio degli elaborati finali all’Agenzia delle Entrate.

In effetti il procedimento di invio non appare molto immediato, specialmente a chi lo esegue per la prima volta.

In questo articolo proveremo a descrivere i passaggi necessari.

Ovviamente la premessa fondamentale è avere già richiesto ed ottenuto presso l’Agenzia delle Entrate l’abilitazione ENTRATEL come Intermediari. Senza questa abilitazione e conseguentemente senza la propria Area Riservata sul sito dell’Agenzia delle Entrate, non sarà possibile effettuare nessun invio telematico.

Alla luce di questo, una volta prodotto il file con estensione .suc grazie al software di compilazione scelto (e in questo caso il software gratuito rilasciato dall’Agenzia delle Entrate, ovvero Successioni Online, si rivela uno strumento intuitivo ed efficace), per inviare una Successione Telematica è necessario prima controllarla e validarla, installando sul proprio PC il programma Desktop Telematico, sempre fornito dall’Agenzia.

Nell’applicativo Desktop Telematico si installeranno poi, selezionandoli all’interno del programma stesso, le tre applicazioni fondamentali alla verifica e validazione del documento .suc di Dichiarazione di Successione. Le tre applicazioni da scegliere aprendo la funzione INSTALLA SOFTWARE del Desktop Telematico sono le seguenti: ENTRATEL, FILE INTERNET e l’applicativo di Controllo Dichiarazioni di Successione, presente sotto la voce CONTROLLO ATTI DI REGISTRO, nella lista di applicazioni disponibili che apparirà a schermo.

Una volta scaricati questi tre elementi (il programma Desktop Telematico si riavvierà diverse volte per completare le procedure di installazione interne), entrando nell’applicativo ENTRATEL ora disponibile sulla scrivania virtuale, sarà necessario predisporre una cartella detta Ambiente di Lavoro, ed un’altra, detta Ambiente di Sicurezza.

Quest’ultima cartella, da creare preferibilmente su una Chiavetta USB, andrà a contenere i certificati di sicurezza scaricati dal web e necessari in poche parole a riconoscere l’abilitazione ENTRATEL dell’Utente, permettendogli così di validare la Documentazione prodotta ed inviarla, senza l’ulteriore apposizione della propria Firma Digitale.

ATTENZIONE 1: I percorsi dell’Ambiente di Lavoro e dell’Ambiente di Sicurezza non devono contenere, nel loro percorso completo, alcuno spazio vuoto. L’Utente dovrà quindi organizzarsi in questo modo, pena il mancato funzionamento dei vari applicativi. 

ATTENZIONE 2: Per quanto scritto in precedenza, prima di effettuare qualsiasi operazione è necessario tenere sempre connessa al computer la Chiavetta USB/Dispositivo Esterno con all’interno l’Ambiente di Sicurezza.

Una volta scaricati gli applicativi e creati i due Ambienti di Lavoro e di Sicurezza, si potrà finalmente procedere come segue:

  1. Aprire DESKTOP TELEMATICO, poi click su APPLICAZIONI, poi su ENTRATEL;
  2. Nella barra in alto, click su DOCUMENTI, poi click su CONTROLLA nel menù a tendina;
  3. Si apre una finestra in cui è possibile cercare nel computer il file (esempio: CODICEFISCALEDECUIUS_SUC13.suc) generato in precedenza al termine della procedura con il programma Successioni Online;
  4. Una volta trovato il suddetto file, click su APRI e seguire la procedura di CONTROLLO E CREAZIONE DEL FILE CONTENENTE I SOLI DOCUMENTI CONFORMI;
  5. Dopo aver controllato il file .suc ed aver creato il file CODICEFISCALEDECUIUS_SUC13_dcm, procedere, selezionando sempre sotto la voce DOCUMENTI della barra in alto, la voce AUTENTICA;
  6. Dopo aver selezionato il file CODICEFISCALEDECUIUS_SUC13_dcm nella cartella “Entratel\Documenti\Controllati” del proprio Ambiente di Lavoro, seguire la procedura di autenticazione del file. Al termine verrà creato, nella cartella “Entratel\Documenti\Da Inviare” il seguente file CODICEFISCALEDECUIUS_SUC13_dcm.cff – Il file appena creato è già autenticato. NON DEVE ESSERE QUINDI FIRMATO DIGITALMENTE.
  7. Questo file con estensione .cff NON VA INVIATO ATTRAVERSO IL DESKTOP TELEMATICO come si potrebbe pensare inzialmente, ma attraverso la propria AREA RISERVATA ONLINE di ENTRATEL
  8. Una volta entrati quindi nella propria AREA RISERVATA sul sito dell’Agenzia delle Entrate, selezionare a sinistra il link SERVIZI PER, poi click su INVIARE (nel menù a tendina) ed infine click sulla voce INVIO ALTRI DOCUMENTI presente in fondo alla schermata di invio dei file;
  9. Si aprirà un’altra schermata di invio file, cioè quella APPOSITA PER LE SUCCESSIONI, dove sarà possibile inserire il file CODICEFISCALEDECUIUS_SUC13_dcm.cff ed INVIARLO.

A quel punto la Successione Telematica è stata inviata. Se non ci sono stati problemi, verranno rilasciate nei 15-20 giorni successivi all’invio della Dichiarazione una serie di ricevute, nel numero massimo di cinque (quattro se non si è voluto effettuare la Voltura Automatica contestualmente all’invio della Dichiarazione), tra cui, se richiesta in fase di compilazione, una Attestazione di Avvenuta Presentazione della Dichiarazione di Successione, che andrà a sostituire ciò che nelle vecchie Dichiarazioni Cartacee era il Modello 240 da presentare presso gli Istituti Bancari.

Tutte queste ricevute potranno essere visualizzate e scaricate sempre nella propria AREA RISERVATA ONLINE di ENTRATEL, cliccando sul pulsante RICEVUTE e quindi usando la funzione RICERCA RICEVUTE

Hai anche tu bisogno di una Dichiarazione di Successione?

14 risposte a “COME SI INVIA UNA SUCCESSIONE TELEMATICA”

    1. Ciao Mauro,

      da quello che si legge sul sito dell’Agenzia delle Entrate – Servizi Entratel/Fisconline, pare che chi non possieda alla data del 1 Marzo 2021 le Credenziali Fisconline potrà accedere all’Area Riservata solo attraverso SPID, CIE o CNS.

      Per chi ha già le Credenziali fornite dall’Agenzia invece:
      Privati Cittadini: le Credenziali già in uso (Nome Utente, Pin e Password), pare restino valide comunque fino al 30 Settembre 2021.
      Per i Professionisti e le Imprese: le stesse Credenziali Entratel/Fisconline pare restino valide fino alla data definita da un apposito Decreto Attuativo, che finora sembra non sia ancora stato reso noto.

      Per maggiori informazioni puoi consultare, come ho fatto io, la seguente pagina:
      https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/come-accedere-servizi-online-agenzia

      Cordialmente

      Alessandro

    1. Ciao Roberto,

      riassumendo dalla mia esperienza, per poter autenticare una Dichiarazione di Successione è necessario creare un cosiddetto “Ambiente di Sicurezza” (con relativa password) su una Chiavetta USB.
      Lo crei con una procedura direttamente dal programma Entratel.
      (So che alcuni per fare prima creano un Ambiente di Sicurezza “simulando” una Chiavetta USB all’interno del computer, ma io non l’ho ancora mai fatto).
      Questo Ambiente di Sicurezza dovrebbe essere quello che la nota definisce “Chiavi dell’Utente”.

      Una volta creato l’Ambiente di Sicurezza sulla Chiavetta, per autenticare sarà necessario tenere attaccata la Chiavetta USB al computer.

      Quando andrai poi ad autenticare il file della Successione, ti verrà richiesto di inserire il percorso e la password di questo “Ambiente di Sicurezza”.

      Il programma verificherà automaticamente se percorso e password da te inseriti corrispondono a quelli dell’Ambiente di Sicurezza presente sulla Chiavetta USB. 
      Se il controllo avrà esito positivo, sarai autorizzato ad autenticare il file.

      Spero di essere stato sufficientemente chiaro.

      Saluti

      Alessandro

  1. Per il professionista che ha le credenziali per accedere a Fisconline può inviare la dichiarazione di successione per conto di clienti. Grazie

    1. Ciao Raffaele,

      ovviamente il procedimento che ho descritto è valido per il Professionista che deve inviare una Dichiarazione di Successione per i propri Clienti.
      Tra i dati da inserire durante la compilazione della Dichiarazione di Successione nel software SUCC13 c’è infatti anche la possibilità da parte del Professionista di indicare sè stesso solo come Delegato dal Dichiarante alla Presentazione Telematica della Dichiarazione stessa.

      Saluti

      Alessandro

      1. Scusa, in che punto della dichiarazione indichi il Professionista come “delegato del dichiarante”? E’ corretto nel riquadro “riservato a chi presenta il modello”? Con che codice carica? Oppure altrove?

        1. Mi rispondo da solo, indico i dati dell’intermediario nel profilo e così nel frontespizio si aggiunge i lriquadro corrispondente

          1. Ciao Paolo,

            esatto, puoi indicare la tua qualità di Intermediario sotto la voce “Impostazioni” -> “Profilo Utente”, che trovi nella barra superiore del programma.

            Saluti

            Alessandro

  2. Creato il file, controllato senza segnalazioni, autenticato , lo invio tramite l’area riservata entratel…Mi risulta dalle ricevute che il file è stato scartato con il codice 1.
    Non so più che fare!!

  3. Buonasera.

    Ho generato il file con l’apposita app dell’agenzia delle entrate.
    Premetto che l’app e i lfile si trovano sul portatile.
    Cosa ho fatto, ho copiato il file generato della succesione su chiavetta usb “””_SUC13.suc””” (ovviamente l’inizio di predetto file è preceduto dal codice fiscale)…e lo sto provando ad inviare dal pc fisso (magari non vuol dire niente, ma mai dire mai)…
    …ma all’atto dell’autenticazione mi dice :”impossibile aprire il file nn ci sono controlli installati”.
    Potresti aiutarmi a capire dove sbaglio ?
    Grazie mille in anticipo

    1. Ciao Paolo,

      scusa se ti rispondo con molto ritardo, ma tra una cosa e l’altra il tempo da dedicare al sito è sempre poco.
      In ogni caso, se tu hai già avuto modo di risolvere, forse la nostra discussione potrà essere d’aiuto per qualcun altro.

      Ciò di cui mi parli, pare sia un errore dovuto all’utilizzo di un programma di autenticazione non corretto.
      Do per scontato che tu sia abilitato come intermediario alla trasmissione attraverso il portale online di ENTRATEL.

      Dopo aver prodotto il file con estensione “.suc” con il software SUCC13 messo a disposizione dall’Agenzia, devi fare attenzione a validarlo con l’applicativo ENTRATEL che avrai scaricato all’interno del software Desktop Telematico (attraverso la funzione INSTALLA SOFTWARE interna al Desktop Telematico stesso).
      Per validare il file dovrai creare, all’interno dell’applicativo ENTRATEL, lo specificio Ambiente di Lavoro, e creare anche l’Ambiente di Sicurezza (definita anche Chiave dell’Utente) che andrai a posizionare su Chiavetta USB, e che ti permetterà di far compiere all’applicativo ENTRATEL la verifica necessaria a procedere con l’autenticazione del file.

      Queste dovrebbero essere le basi per giungere all’autenticazione corretta del file, e che ho provato a descrivere anche nelle prime righe di questo articolo.
      Per portare a termine l’autenticazione, la procedura che ho indicato poi passo per passo dovrebbe essere quella corretta (uso sempre il termine “dovrebbe” perchè a volte tra aggiornamenti, variazioni e conflitti, i software potrebbero anche non funzionare nel modo previsto).

      Spero di essere stato sufficientemente chiaro.

      Saluti

      Alessandro

    1. Ciao Francesca,

      un cittadino può presentare la Dichiarazione di Successione solo in qualità di: Erede; Chiamato all’Eredità; Legatario.
      La Dichiarazione può essere presentata dai Soggetti appena elencati tramite i Servizi Telematici dell’Agenzia delle Entrate ai quali si può accedere tramite SPID, Carta d’Identità Elettronica (CIE) oppure Carta Nazionale dei Servizi (CNS).
      La Dichiarazione deve essere presentata entro 12 mesi dalla data del decesso del de cuius, per non incorrere in sanzioni.

      Qui di seguito il link al sito dell’Agenzia delle Entrate dove viene spiegato ciò che ho brevemente sopra riportato:
      https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/schede/dichiarazioni/dichiarazione-di-successione/come-quando-dichsucc

      Saluti

      Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *